Skip to main content

Chip, la carenza globale durerà fino a tutto il 2022

La carenza globale di chip è destinata a trascinarsi fino al 2022 – ma la situazione potrebbe migliorare da metà anno in poi, dato che più forniture diventano disponibili. Ad affermarlo, un noto analista di semiconduttori della JPMorgan.

La banca d’investimento statunitense sta raccomandando agli investitori di perseguire le tendenze a lungo termine nello spazio dei semiconduttori – in aree come l’informatica di fascia alta a livello globale e le tecnologie meno avanzate in Cina. Una stretta di fornitura in corso per i chip ha danneggiato la produzione in una serie di settori, che vanno dalle automobili agli elettrodomestici, ai personal computer e agli smartphone. Alcuni analisti e investitori si aspettano che la carenza duri fino al 2023, ma JPMorgan è meno pessimista.

Non ci aspettiamo che il 2023 sia in carenza di forniture – quindi, questa è probabilmente la prima cosa che possiamo dire“, afferma Gokul Hariharan, co-head of Asia-Pacific technology, media and telecom research alla JPMorgan. Ma il 2022 “è un po’ più difficile“, ha detto. “Le cose potrebbero migliorare nella seconda metà dell’anno con l’arrivo di più forniture online, ma i primi sei mesi potrebbero ancora vedere sacche di carenza in tutto il settore”, ha spiegato Hariharan.

C’è capacità in arrivo online, non solo dalle società di fonderia, ma anche dalle società [produttori di dispositivi integrati]. Anche tutti gli IDM statunitensi ed europei stanno espandendo la loro capacità – molti di essi dovrebbero essere online a partire dalla metà del prossimo anno“, ha aggiunto.

Dove investire in un contesto di carenza globale di chip

Le fonderie sono aziende che hanno un contratto con le aziende di semiconduttori per costruire chip. Gli IDM, invece, sono aziende che progettano, producono e vendono quei chip.

JPMorgan sta raccomandando che gli investitori inizino a perseguire le tendenze a lungo termine nello spazio dei semiconduttori che sono più strutturali che cicliche, ha poi detto Hariharan. Le tendenze strutturali tendono ad essere a lungo termine, cambiamenti permanenti in un settore mentre le tendenze cicliche sono influenzate dal ciclo economico e tipicamente ritornano al punto di partenza iniziale dopo pochi anni.

Ci sono due tendenze su cui la banca d’investimento è “davvero positiva nei prossimi tre-cinque anni”, ha detto.

Il primo è i segmenti di calcolo di fascia molto alta, secondo Hariharan. C’è un’interruzione in corso nell’informatica di fascia alta a livello globale, che era molto monolitica, ma ora si sta frammentando man mano che più aziende entrano nello spazio. Per esempio, i giganti tecnologici come Apple, Amazon, Meta (ex Facebook), Tesla e Baidu stanno tutti evitando i produttori di chip stabiliti e portando alcuni aspetti dello sviluppo dei chip in-house. “C’è un sacco di frammentazione di quello spazio che sta accadendo – e questo sta sicuramente portando ad una crescita più veloce“, ha detto Hariharan. “Così questo è uno spazio, penso, ci aspettiamo che cresca forse a due cifre – dal 15% al 20% – nei prossimi tre a cinque anni”.

La seconda tendenza su cui JPMorgan è positiva è quella delle aziende cinesi di semiconduttori che si concentrano sulle tecnologie legacy e long-tail. Queste aziende producono una varietà di chip meno avanzati in aree come la gestione della potenza, i microcontrollori, i sensori e altri segmenti legati ai consumatori.

“Stiamo vedendo che sempre più aziende stanno nascendo in Cina con l’obiettivo di puntare ad alcune di queste tecnologie long-tail“, ha detto Hariharan. “La domanda locale è chiaramente presente. La maggior parte di queste aziende ha solo il 5%-10% della domanda locale servita in questo momento. Quindi il potenziale mercato indirizzabile è forse da 5 a 10 volte quello che stanno attualmente servendo”, ha aggiunto.

Come stanno andando i semiconduttori asiatici

Le migliori aziende asiatiche di semiconduttori per fatturato hanno registrato una crescita annuale dei profitti a due cifre negli ultimi trimestri, secondo il fornitore di dati finanziari Refinitiv Eikon. La produzione di chip in mezzo a una carenza di fornitura globale è una proposta attraente per le aziende.

Per esempio, la Taiwan Semiconductor Manufacturing Company starebbe aumentando i prezzi del 10% per i chip avanzati, mentre i chip meno avanzati – usati comunemente dalle case automobilistiche – costerebbero il 20% in più. TSMC è il più grande produttore a contratto al mondo di chip per semiconduttori. Ma le sue fortune nel mercato azionario sono state contrastanti.

Mentre le aziende del calibro di TSMC, MediaTek, UMC e Renesas Electronics sono in crescita tra il 16% e il 45% finora quest’anno, le azioni di Samsung Electronics – il più grande produttore di chip al mondo per fatturato – e SK Hynix sono in calo del 13% e del 6%, rispettivamente, nello stesso periodo.

Hariharan ha spiegato che i chip di memoria costituiscono una componente considerevole dell’industria asiatica dei semiconduttori e che i prezzi della memoria sono scesi dall’inizio di ottobre. “Il mercato ha anticipato un po’ di flessione in quello spazio, quindi sta attraversando un ciclo discendente“, ha detto. “L’altra parte, direi, è che il mercato è stato anche un po’ preoccupato di quando il ciclo sta per raggiungere il picco”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi