Skip to main content

Amazon, multa da 1,13 miliardi di euro dall’AGCM per abuso di posizione dominante

Amazon è stata multata per 1,13 miliardi di euro dalle autorità antitrust italiane per aver abusato della sua posizione dominante sul mercato.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, o AGCM, ha detto che Amazon ha danneggiato gli operatori concorrenti nel servizio di logistica dell’e-commerce. L’authority ha concluso che Amazon ha sfruttato la sua posizione dominante per incoraggiare i venditori su Amazon.it ad usare il suo servizio di logistica – Fulfilment by Amazon (FBA), “a scapito dei servizi logistici offerti dagli operatori concorrenti, così come per rafforzare la propria posizione dominante”.

AGCM ha detto che imporrà misure correttive che saranno soggette alla revisione di un fiduciario di controllo.

Amazon ha detto di essere “fortemente in disaccordo” con la multa e che ha intenzione di fare ricorso. “La multa e i rimedi proposti sono ingiustificati e sproporzionati“, ha detto un portavoce di Amazon.

Amazon ha inoltre detto che oltre il 50% di tutte le vendite annuali sulla sua piattaforma in Italia provengono da piccole e medie imprese, aggiungendo che il loro successo è fondamentale per il modello di business di Amazon.

“Le piccole e medie imprese hanno più canali per vendere i loro prodotti sia online che offline: Amazon è solo una di queste opzioni“, ha detto il portavoce di Amazon. “Investiamo costantemente per sostenere la crescita delle 18.000 PMI italiane che vendono su Amazon, e forniamo molteplici strumenti ai nostri venditori, compresi quelli che gestiscono autonomamente le spedizioni.”

Ruhell Amin, global head of retail equity research di William O’Neil + Co, ha detto giovedì a “Street Signs Europe” della CNBC che si tratta di una multa “significativa” per il gigante dell’e-commerce. “Fa parte di una tendenza più ampia che abbiamo visto in Europa per cercare di regolare alcune di queste aziende Big Tech”, ha detto.

La preoccupazione per gli investitori è che la multa italiana potrebbe significare una tendenza più ampia verso una regolamentazione più pesante di Amazon anche in altre parti del suo business, e in altre parti del mondo, ha detto Amin. “Questo sembra certamente la punta dell’iceberg”, ha detto.

Questo caso è interessante perché la Commissione europea ha aperto una propria indagine su questa pratica, ma ha tagliato l’Italia fuori dall’ambito dell’indagine per permettere all’antitrust italiano di procedere per conto suo“, ha aggiunto Amin. “Di solito la Commissione europea è abbastanza unificata nel suo approccio”.

Altrove, i regolatori in Cina stanno dando un giro di vite al gigante dell’e-commerce Alibaba, mentre i regolatori dell’America Latina stanno prendendo di mira Mercado Libre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi