Skip to main content

Che cos’è l’omeopatia?

Il presupposto primario dell’omeopatia è rispettare la saggezza del corpo umano. Di qui, l’assunto di base dell’omeopatia, che è che i sintomi della malattia non sono semplicemente qualcosa di “sbagliato” nella persona, ma sono in realtà risposte e sforzi dell’organismo per difendersi e guarire contro le infezioni e/o lo stress. L’organismo umano non si ammala arrendendosi a queste forze, ma come risultato degli sforzi del corpo per combatterle.

Ciò premesso, per i sostenitori dell’omeopatia, ogni organismo sopravvive perché ha incredibili capacità di adattamento, e uno dei modi in cui un organismo si adatta è attraverso la creazione di sintomi.

Il processo infiammatorio è uno dei modi importanti in cui un organismo inizia a imparare cosa lo ha infettato e come affrontarlo. Quindi, la creazione di sintomi è uno dei modi in cui l’organismo impara a vivere nel suo ambiente.

Da un lato, il pensiero medico convenzionale mantiene un grande rispetto per l’organismo umano, le sue funzioni difensive e i suoi sintomi; dall’altro, però, presuppone comunemente che i sintomi debbano essere inibiti, soppressi e controllati. La febbre deve essere abbassata, l’infiammazione deve essere soppressa e le scariche devono essere fermate.

Poiché questi sintomi sono modi importanti in cui l’organismo umano sta cercando di guarire se stesso, gli sforzi che impediscono questo processo tendono a fornire un sollievo a breve termine per il dolore e il disagio, ma tendono anche a creare problemi di salute più a lungo termine. Per esempio, i testi di patologia di base affermano che la febbre è un importante sforzo che il corpo compie per combattere e bruciare l’infezione, che l’infiammazione è vitale per il corpo per respingere il materiale patogeno, e che la scarica è un modo essenziale con cui l’organismo espelle le cellule morte e gli organismi infettivi.

Le terapie o i farmaci che sopprimono le difese naturali del corpo creano problemi di salute nuovi, più profondi e più cronici.

Inerente al pensiero medico convenzionale sulla salute è il presupposto che qualsiasi cosa il corpo stia facendo è “sbagliato”. Al contrario, inerente al pensiero omeopatico è il presupposto che c’è una saggezza interna all’organismo umano. E questa differenza di presupposti porta ad approcci completamente diversi alla guarigione.

È utile notare che la stessa parola sintomo deriva dal greco e significa “segno” o “segnale”. Un sintomo è meglio inteso non come la malattia stessa, ma come un segno o segnale della malattia. Trattare il segno o il segnale è simile a svitare una spia dell’olio lampeggiante su una macchina. Anche se questo trattamento “funziona” (la luce si spegne!), non risolve il problema fondamentale.

Dunque, gli assunti dell’omeopatia sono così sintetizzabili: il sintomo è un segnale di qualcosa e, per questo, non bisogna semplicemente staccare la spina del segnale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi