Skip to main content

Cos’è un CDS (credit default swap)

Un credit default swap (o, per brevità, CDS) è un tipo di derivato molto utilizzato. Nei suoi termini più elementari, un CDS è simile a un contratto di assicurazione, perché fornisce all’acquirente una protezione contro rischi specifici. Molto spesso, gli investitori acquistano credit default swap per proteggersi da un’inadempienza, ma questi strumenti flessibili possono essere utilizzati in molti modi per personalizzare l’esposizione al mercato del credito.

I contratti CDS possono mitigare i rischi nell’investimento obbligazionario trasferendo un determinato rischio da una parte all’altra senza trasferire l’obbligazione o l’attività di credito sottostante. Prima dei credit default swap, non esisteva alcun veicolo per trasferire il rischio di un’inadempienza o di un altro evento creditizio, da un investitore ad un altro.

In un CDS, una parte “vende” il rischio e la controparte “compra” tale rischio. Il “venditore” del rischio di credito – che tende anche a possedere l’attività di credito sottostante – paga una commissione periodica al rischio “acquirente”. In cambio, il rischio “acquirente” si impegna a pagare al “venditore” un determinato importo in caso di inadempienza (tecnicamente, un evento di credito). I CDS sono progettati per coprire molti rischi, tra cui: inadempienze, fallimenti e declassamenti del rating del credito. (

Quali sono le caratteristiche dei credit default swap?

Il mercato dei credit default swap è generalmente suddiviso in tre settori:

  • CDS a credito singolo che si riferiscono a specifiche aziende, crediti bancari e sovrani.
  • CDS multi-credito, che possono fare riferimento a un portafoglio personalizzato di crediti concordati dall’acquirente e dal venditore,
  • Indice CDS. I crediti a cui si fa riferimento in un CDS sono noti come “entità di riferimento”. I CDS hanno una scadenza che va da uno a 10 anni, anche se il CDS a cinque anni è il più frequentemente negoziato.

I termini di regolamento di un CDS sono determinati al momento della stipula del contratto di CDS. Il tipo più comune di CDS prevede lo scambio di obbligazioni per il loro valore nominale, anche se il regolamento può avvenire anche sotto forma di pagamento in contanti pari alla differenza tra il valore di mercato delle obbligazioni e il valore nominale.

Anche se il mercato dei CDS è stato originariamente costituito per fornire alle banche i mezzi per trasferire l’esposizione creditizia e liberare il capitale regolamentare, oggi i CDS sono diventati il motore che guida il mercato dei derivati su crediti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *