Skip to main content

Perché i bambini mangiano solo ciò che gli piace?

Si dice spesso che “i bambini mangiano ciò che gli piace“, ma i risultati di un nuovo studio condotto da nutrizionisti e scienziati sensoriali della Penn State suggeriscono che quando si tratta di pasti, è più preciso e più pertinente dire: “i bambini non mangiano ciò che non gli piace”.

C’è una differenza importante, secondo il ricercatore principale Kathleen Keller, professore associato nei dipartimenti di scienze nutrizionali e scienze alimentari, che ha condotto un esperimento che ha coinvolto 61 bambini di età 4-6 anni per valutare la relazione tra il loro gradimento degli alimenti in un pasto e la successiva assunzione. La ricerca ha rivelato che quando viene presentato un pasto, l’antipatia è un predittore più forte di ciò che i giovani mangiano rispetto al gradimento.

In altre parole, piuttosto che l’alto gradimento guida una maggiore assunzione, i dati del nostro studio indicano che il basso gradimento ha portato i bambini a evitare alcuni alimenti e a lasciarli nel piatto“, ha detto. “I bambini hanno una quantità limitata di spazio nelle loro pance, quindi quando gli viene consegnato un vassoio, gravitano verso la loro cosa preferita e tipicamente la mangiano per prima, e poi fanno scelte se mangiare altri cibi”.

Il co-autore dello studio John Hayes, professore di scienza dell’alimentazione e direttore del Sensory Evaluation Center nel College of Agricultural Sciences, la mette in un altro modo.

“Per più di 50 anni, abbiamo saputo che il gradimento e l’assunzione sono positivamente correlati, ma questo spesso porta all’assunzione errata che se ha un sapore migliore, si mangia di più“, ha detto. “La realtà è un po’ più sfumata. Negli adulti, sappiamo che se un cibo ti piace davvero, puoi mangiarlo o meno. Ma se non ti piace, lo mangerai raramente o mai. Questi nuovi dati mostrano che lo stesso modello è vero nei bambini piccoli”.

I bambini hanno partecipato a due sessioni di laboratorio identiche nello studio condotto nel Keller’s Children’s Eating Behavior Laboratory nel College of Health and Human Development, dove sette alimenti – crocchette di pollo, ketchup, patatine, uva, broccoli, pomodorini e biscotti – sono stati inclusi in un vassoio. Erano incluse anche due bevande, punch alla frutta e latte.

Prima di mangiare i pasti, ai bambini è stato chiesto di valutare il loro gradimento di ogni alimento sulla seguente scala a cinque punti: super cattivo, cattivo, forse buono, forse cattivo, buono e super buono. Dopo che i bambini avevano mangiato tutto il pasto che volevano, i ricercatori hanno pesato ciò che hanno mangiato e confrontato i risultati con ciò che i bambini hanno detto che piaceva e non piaceva. Le correlazioni erano sorprendenti.

Nei risultati recentemente pubblicati sulla rivista Appetite, i ricercatori hanno riferito che la relazione tra gradimento e assunzione non era forte per la maggior parte degli alimenti. Per esempio, solo il gradimento per le patatine, l’uva, i pomodorini e il punch alla frutta era associato positivamente alla quantità consumata. Ma non sono state trovate associazioni tra il gradimento e l’assunzione di altri alimenti.

Tuttavia, c’era una forte correlazione tra il consumo – o non consumo in questo caso – e gli alimenti che i bambini dicevano di non gradire. In un pasto multicomponente, piuttosto che mangiare ciò che piace, questi dati sono più coerenti con la nozione che i bambini non mangiano ciò che non piace, i ricercatori hanno concluso.

Anche in giovane età, le scelte alimentari dei bambini sono influenzate dai loro genitori e coetanei, ha sottolineato Keller. Quindi, dobbiamo stare attenti alle supposizioni su ciò che veramente guida il loro comportamento quando si siedono a mangiare un pasto.

“Raccolgono ciò che viene detto intorno al tavolo su quali cibi sono buoni, e mentre questo potrebbe non corrispondere effettivamente ai bambini che li mangiano, stanno prendendo tutto in, e questo sta influenzando le loro percezioni degli alimenti“, ha detto. “Il latte è un buon esempio di questo – per alcune famiglie, ci può essere un effetto alone di salute intorno al latte. I bambini imparano fin da piccoli che bere latte darà loro un corpo forte, quindi possono bere latte anche se non è la loro bevanda preferita”.

Poiché i bambini Uniti continuano a consumare quantità insufficienti di verdure, i risultati di progetti di ricerca come questo sono di grande interesse per i genitori, molti dei quali lottano per far mangiare le verdure ai loro figli, crede Keller. I genitori vogliono sapere come possono migliorare l’alimentazione dei loro figli.

“Alcuni genitori lottano con bambini che sono molto schizzinosi“, ha detto. “Questo può causare problemi di nutrizione a lungo termine e crea molto stress per la famiglia. Penso che il mangiare schizzinoso sia una delle lamentele più comuni che sento dai genitori – ‘Come faccio a far accettare a mio figlio più cibi? Come posso rendere la cena migliore e più facile per la mia famiglia?”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi