Skip to main content

Nuovi scandali politici impattano sui mercati brasiliani

Un nuovo scandalo politico è esploso e si è rapidamente approfondito in Brasile nella giornata di lunedì e in particolar modo nella stessa serata: il presidente Michel Temer è infatti stato accusato di presunta corruzione passiva da parte del principale procuratore Rodrigo Janot.

Inoltre, secondo i documenti che sono già stati depositati presso la Corte Suprema, alcuni segnali suggeriscono che il Presidente potrebbe essere coinvolto in altri reati che devono essere ancora oggetto di nuove indagini.

A questo punto, almeno due terzi della Camera dei deputati brasiliana dovranno approvare le indagini affinché le stesse possano procedere e, a quanto sembra dalle ultime indiscrezioni e dalle ultime analisi che sono state compiute nel Paese, non è detto che effettivamente il presidente Temer non possa beneficiare di un sostegno politico e legislativo sufficiente per portare a termine il suo mandato.

Quanto sopra non può inoltre che impattare negativamente sul real brasiliano rispetto al dollaro statunitense e, di conseguenza, sulle commodities, con i prezzi delle materie prime agricole, maggiormente influenzate dal Brasile, che stanno vivendo una fase di depressione di cui non è ancora noto comprendere entità e lunghezza: caffè, soia e, di conseguenza, tutto il complesso dell’olio vegetale, stanno subendo pienamente gli effetti di quanto accaduto negli ultimi tempi, e le loro quotazioni potrebbero ulteriormente calare nel prossimo futuro.

Un real in corposo deprezzamento (un assaggio lo si è recentemente visto) non potrà che esercitare pressioni negative su queste materie prime a causa delle vendite superiori dei venditori brasiliani interessati ad espandere i loro ricavi in un dollaro più forte. Cosa succederà?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi