Skip to main content

La consapevolezza di sé per i leader di successo

Nessun leader riesce ad assicurare tutte le qualità in una sola persona e, se ci pensi, questo è profondamente rassicurante: non è necessario essere perfetti per guidare un business di successo. Guardati intorno: scoprirai che tutti i leader hanno dei difetti. Avere una debolezza, o una “opportunità di sviluppo” – nel gergo di oggi, non è un ostacolo alla leadership, se sai cosa fare.

I leader efficaci sono profondamente consapevoli di ciò in cui sono bravi e di ciò in cui non sono bravi. Ci vuole grande fiducia in sé stessi, consapevolezza e umiltà per ammettere di non essere bravi in qualcosa, ma questo è il primo passo fondamentale per fare qualcosa al riguardo.

Tutti i leader hanno delle debolezze, ma fortunatamente la leadership è uno sport di squadra.

Il primo atto di un buon leader dovrebbe infatti essere quello di mettere insieme una buona squadra. Un team inefficace sarà un clone del leader. Una squadra efficace completerà i punti di forza tecnici e lo stile personale del leader. Il tuo lavoro non è quello di essere la persona migliore della squadra. Come leader, il tuo lavoro è quello di portare tutte le persone migliori nella squadra.

Un’alta autoconsapevolezza ti permette di concentrarti sui tuoi punti di forza.

Così come tutti abbiamo delle debolezze, tutti abbiamo dei punti di forza. Il trucco è sapere cosa sei bravo a fare, e poi farne di più. Affronta le debolezze costruendo una squadra e delegando: se sei scarso nella gestione fiscale, trova un commercialista che possa farlo per te.

L’autoconsapevolezza è anche essenziale giorno per giorno. Siamo stati tutti in riunioni in cui qualcuno continua a blaterare, completamente inconsapevole del fatto che sta annoiando o irritando tutti gli altri; abbiamo visto persone perdere la calma e perdere il controllo. I migliori leader non lo fanno. Hanno la capacità di distaccarsi e guardarsi dall’esterno. Diventano una “mosca sul muro”, osservando le proprie prestazioni e ponendosi alcune semplici domande: se stessi ascoltando questo, come reagirei? Come stanno reagendo gli altri? Cosa vogliono e hanno bisogno di sentire le persone che ascoltano?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi