Skip to main content

Fusione PayPal – Pinterest: verità o bufala?

Il colosso americano dei pagamenti PayPal ha dichiarato di non essere interessato ad acquistare la piattaforma di social media Pinterest. Rispondendo ai rumor di mercato, la società di tecnologia finanziaria ha annunciato sul suo sito web che “non sta perseguendo un’acquisizione di Pinterest in questo momento”.

PayPal aveva discusso l’acquisizione della società per un prezzo potenziale di circa 70 dollari per azione, che valuterebbe Pinterest a circa 39 miliardi di dollari, secondo Bloomberg. Pinterest, che permette agli utenti di creare e condividere immagini, è diventato pubblico nell’aprile 2019, con una valutazione di poco più di 10 miliardi di dollari. Il suo market cap oggi si trova a circa 37 miliardi di dollari.

PayPal era stato spinto a considerare l’acquisto di Pinterest a seguito della pressione competitiva della piattaforma di e-commerce Shopify. PayPal ha ampiamente beneficiato del boom dello shopping online dall’inizio della pandemia di coronavirus. L’anno scorso, si è contrapposta alle crescenti aziende buy-now-pay-later con la sua offerta “Pay in 4”. Una potenziale acquisizione di Pinterest potrebbe spingere l’azienda nel commercio sociale, uno spazio in crescita su cui altri giganti della tecnologia stanno già lavorando.

Facebook, per esempio, ha spinto molto nel rendere Instagram acquistabile. La scorsa estate, ha iniziato a testare una scheda dedicata “Shop” sulla sua schermata iniziale. Permette anche agli utenti di fare acquisti attraverso i normali post di Instagram, Live, Stories e il suo feed Explore, e ha testato lo shopping sulla sua funzione video di breve formato Reels.

Il commercio sociale permette alle aziende di tracciare i clic e gli acquisti all’interno delle loro rispettive app, in modo da poter dimostrare l’efficacia degli annunci agli inserzionisti. Potrebbe anche permettere alle aziende di ricevere un taglio di ogni transazione.

Andrew Jeffrey, analista di Truist Securities, ha detto di essere scettico su una fusione PayPal-Pinterest. “Una mossa per fare un altro accordo online, anche nei social media, non ha molto senso a lungo termine“, ha detto Jeffrey, aggiungendo che PayPal ha bisogno di monetizzare nel mondo fisico. “A meno che l’azienda non possa monetizzare fuori dall’e-com (instore) con Venmo, pensiamo che la sua crescita sia alla fine destinata a tornare verso la crescita dell’e-com e quel tipo di decelerazione non è attualmente prezzata nel titolo”, ha aggiunto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *