Skip to main content

Crisi coronavirus, la ripresa sarà più rapida in Asia

HSBC Global Asset Management prevede una ripresa di slancio per l’economia globale che emerge dalla crisi del coronavirus, con la Cina e l’Asia che rappresenteranno le economie meglio posizionate per poterla cavalcare su ritmi più sostenuti.

In un dossier diffuso in questi giorni, il Global Chief Strategist Joseph Little ha affermato che questa modalità di ripresa comporta un brusco rimbalzo una volta tolti i blocchi, seguito da una graduale ripresa fino ai livelli di attività pre-crisi.

Lavorando a ritroso, significa che la ripresa è già iniziata in questo trimestre. Entro la fine del prossimo anno, l’economia globale dovrebbe essere completamente stabilita su una nuova traiettoria più bassa, ma con un tasso di crescita tendenziale più o meno simile“, ha detto Little.

La Cina e l’Asia industrializzata, compresa la Corea del Sud, Singapore e Taiwan, sono nella posizione migliore per capitalizzare la ripresa, mentre altri mercati emergenti, i piccoli esportatori di petrolio, le nazioni di frontiera e la zona euro sono meno resistenti, secondo HSBC GAM.

I rischi negativi di questo scenario, poco delineati, includono la flessibilità delle politiche in alcune economie, il rischio di una seconda ondata di infezioni da Covid-19 e il potenziale di danni economici permanenti. Tuttavia, ha suggerito che gli errori di politica rappresentano il rischio maggiore per la ripresa.

La risposta globale in modalità crisi è stata buona come avremmo potuto sperare. Ma, a seguito delle misure di liquidità, le sfide in materia di solvibilità permangono“, ha detto Little. “Ci chiediamo anche se una forma di “stanchezza da stimolo” potrebbe alla fine iniziare, con il supporto politico che finisce troppo presto“.

Nonostante ciò, Little ha sottolineato che la maggior parte dei governi e delle banche centrali hanno ancora molta capacità di alleggerimento, e gli investitori sembrano “più pronti che mai a lasciare che i governi rompano i tabù fiscali”.

HSBC GAM prevede che la crisi del coronavirus abbia accentuato un “ripido trade-off tra rischio e rendimento“, con i prezzi attuali che suggeriscono rendimenti sub-inflazionistici per la maggior parte dei titoli di stato a medio termine e per le classi di attività più rischiose, scontando premi molto più elevati. “Con i titoli di stato che non sono attraenti dal punto di vista della valutazione e le loro proprietà di copertura che diventano sempre più limitate man mano che i tassi di interesse si avvicinano a zero, gli investitori devono riflettere più a fondo su come diversificare“, ha sostenuto Little.

HSBC GAM privilegia le azioni globali e le obbligazioni ad alto rendimento su base strategica a lungo termine, proiettando che i prezzi azionari più bassi di quest’anno significano che gli investitori disposti ad assorbire la volatilità a breve termine saranno compensati da rendimenti prospettici più elevati nei prossimi due anni.

Il calo dei rendimenti dei titoli di Stato dei mercati sviluppati ha rafforzato la relativa attrattiva delle azioni, mentre un significativo allentamento delle politiche ha ridotto parte del rischio di ribasso, ha detto il rapporto. “Gli spread sui titoli ad alto rendimento sono relativamente alti a nostro avviso e il premio per il rischio di credito – la compensazione per aver sopportato il rischio di insolvenza delle imprese – sembra interessante“, ha dichiarato Little. “Continuiamo a preferire i crediti asiatici a quelli dei mercati sviluppati, in quanto continuano ad offrire spread più elevati per un rischio di credito simile, e la regione è ben posizionata per la ripresa”, ha aggiunto, sottolineando che il supporto delle politiche da parte della Cina sarà fondamentale per questa classe di attività.

A proposito di Cina, rispetto ad altri grandi Paesi, gli esperti hanno sottolineato che la Cina ha offerto un sostegno limitato alla sua economia in mezzo alla crisi, dispiegando circa 2,6 trilioni di yuan (365,97 miliardi di dollari) di misure fiscali, secondo il FMI. Gli strateghi di HSBC GAM ritengono che le alternative liquide e illiquide dovrebbero giocare un ruolo maggiore nei portafogli degli investitori per il resto dell’anno, in particolare quelli con una scarsa correlazione con le classi di attività tradizionali e una certa protezione dai rischi al ribasso per i mercati azionari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi