Skip to main content

Cos’è l’Equity Stop nel Forex trading

Come noto, quando si apre una posizione sul mercato valutario, è fondamentale fissare uno stop loss che possa arginare le perdite nel caso in cui il mercato assuma una direzione diversa rispetto a quanto pianificavamo.

In tal senso, è bene chiarire che non esiste un’unica tipologia di stop loss. In particolare, un Equity Stop è uno stop che prevede che la posizione sia chiusa nel caso in cui il capitale totale in un conto scenda al di sotto di un certo valore. Uno stop loss al 2% del patrimonio netto totale è generalmente considerato una strategia conservativa, mentre uno stop loss del 5% è un approccio più standardizzato, che generalmente viene fornito di defaut per la maggior parte dei metodi di gestione del denaro. Quindi, per fare un esempio, un conto da 1000 euro avrebbe lo stop loss per una posizione aperta nel punto in cui il capitale totale sarebbe sceso sotto i 980 euro (per uno stop del 2%).

Sia lo svantaggio, sia il vantaggio dell’Equity Stop, è la sua rigidità. L’Equity Stop fornisce infatti un criterio molto solido per decidere il successo o il fallimento di una singola operazione, in quanto non c’è modo di sbagliarsi. D’altra parte, però, la stessa rigidità può impedire al trade di funzionare come previsto. I mercati sono volatili, e un’operazione che ha una causa perfettamente valida alle spalle può ancora essere invalidata dalle fluttuazioni casuali che non sono prevedibili.

Un altro problema importante dell’Equity Stop è la sua incapacità di prevenire una serie di perdite. Per esempio, quando il trader chiude una posizione con una perdita del 2%, nulla gli impedirà di aprire un’altra posizione nella stessa direzione (comprare o vendere) poco dopo, se le cause che hanno giustificato la prima operazione sono ancora presenti. Per esempio, se il trader inserisce un ordine di vendita quando il RSI è superiore a 80, e di conseguenza lo stop loss viene attivato, e la posizione chiusa, c’è poco che impedirà che gli stessi eventi si ripetano se l’azione di prezzo ripete gli stessi movimenti. Per evitare questa trappola, il trader può legare lo stop loss point ad un fattore non di prezzo, e il resto di questo articolo discute tali scenari.

Tutto chiaro, no? Il nostro suggerimento è naturalmente quello di esercitarsi un po’ utilizzando un conto demo, disponibile presso tutti i principali broker. In questo modo riuscirete ad allenarvi utilizzando il capitale virtuale messo a disposizione dallo stesso operatore, evitando di rischiare i propri fondi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi