Skip to main content

Come si diventa giornalisti

La carriera di giornalista ti attrae e ti affascina? Vuoi sapere come si diventa giornalisti? Ebbene, la prima cosa che devi tenere a mente è che il lavoro giornalistico è disciplinato principalmente dalla l. 69/1963, recante indicazioni sull’ordinamento della professione, e istitutiva dell’Ordine dei giornalisti, che riconosce due categorie di soggetti: i professionisti e i pubblicisti.

Senza scendere troppo nel dettaglio, i professionisti sono tutti coloro che svolgono in maniera esclusiva e continuativa la professione giornalistica, mentre i pubblicisti sono coloro che contestualmente all’attività giornalistica svolgono altre professione.

Detto ciò, e fermo restando che è consigliabile che ogni giornalista o aspirante tale sia dotato di una buona conoscenza della lingua italiana, ottima cultura generale, passione per la lettura e per la voglia di approfondire e comunicare, per diventare giornalista professionista è necessario svolgere un praticantato di 18 mesi presso una redazione giornalistica, partecipare i percorsi di preparazione dell’OdG (o aver frequentato per almeno un biennio una delle scuole di giornalismo riconosciute) e superare un esame di idoneità professionale.

Diventare giornalista pubblicista è un po’ più semplice. Bisogna infatti dimostrare di aver svolto un’attività giornalistica retribuita e continuativa per almeno 24 mesi presso una o più testate regolarmente registrate. Non è invece richiesto il superamento di alcun esame, mentre è richiesto il possesso dei requisiti di legge (principalmente, assenza di precedenti penali, e attestazione di versamento di una tassa di concessione governativa), presentare articoli a firma del richiedente, pubblicati in giornali e periodici, con certificazione del direttore delle pubblicazioni che possano comprovare l’attività pubblicistica regolarmente retribuita da almeno due anno, presentare in fotopia l’eventuale contratto di collaborazione e presentare la documentazione dei compensi che sono stati percepiti negli ultimi 24 mesi, in regola con le norme fiscali in materia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *