Skip to main content

Scommettere sul dollaro per salvare l’euro

arton6161Secondo quanto affermava qualche ora fa Maurizio Ricci sul quotidiano La Repubblica, i primi a doversi augurare che il dollaro continui la sua strada di apprezzamento sono proprio i cittadini europei. In altri termini – si sentenziava – sarà proprio il dollaro (o, meglio, il cambio dollaro / euro) a salvare la tanto deteriorata valuta unica.

Il trend dell’euro è d’altronde ben avviato in tal senso. Questa primavera la valuta unica quotava 1,40 sul dollaro. Ad agosto aveva già toccato 1,33 dollari, mentre la scorsa settimana si sono raggiunti 1,27 dollari. La caduta è tuttavia solo agli inizi, considerato che gli analisti stimano una discesa a quota 1,25 entro Natale e, quindi, 1,23 entro la primavera 2015. Tutto qui? Non proprio, perchè secondo molti macroeconomisti la caduta continuerà ancora a lungo, nell’arco del 2015 – quando la Fed inizierà a alzare i tassi di interesse, mentre la Bce continuerà ad agire con politiche monetarie opposte – e quindi nel 2016 e, infine, nel 2017, quando tra euro e dollaro dovrebbe esserci la parità: 1 euro contro 1 dollaro. Leggi tutto

Commodities, indicazioni di investimento di fine settembre

commoditiesConsueto aggiornamento dei principali indicatori di investimento sulle commodities. Partiamo dal comparto energetico, con Reuters che ci informa che per quanto concerne le spedizioni effettuate da inizio settembre ad oggi, le esportazioni del petrolio iracheno dai terminali meridionali sarebbero state pari a 2,58 Mb/g, in rialzo rispetto alla media di 2,38 Mb/g di agosto. Nei prossimi giorni sarà di grande interesse comprendere se il livello di esportazioni sarà o meno sostenuto: in caso positivo, la media mensile potrebbe essere nuovamente confermata intorno ai 2,58 Mb/g, ribadendo pertanto il livello già riscontrato nel corso del precedente mese di maggio, e sfiorando quindi i massimi dal 2003 ad oggi. Per il momento, pertanto, i combattimenti in corso al nord del Paese non sembrano aver danneggiato le esportazioni irachene nella parte meridionale della nazione. Leggi tutto

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi