Skip to main content

Amazon, multa da 1,13 miliardi di euro dall’AGCM per abuso di posizione dominante

Amazon è stata multata per 1,13 miliardi di euro dalle autorità antitrust italiane per aver abusato della sua posizione dominante sul mercato.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, o AGCM, ha detto che Amazon ha danneggiato gli operatori concorrenti nel servizio di logistica dell’e-commerce. L’authority ha concluso che Amazon ha sfruttato la sua posizione dominante per incoraggiare i venditori su Amazon.it ad usare il suo servizio di logistica – Fulfilment by Amazon (FBA), “a scapito dei servizi logistici offerti dagli operatori concorrenti, così come per rafforzare la propria posizione dominante”. Approfondisci

Chip, la carenza globale durerà fino a tutto il 2022

La carenza globale di chip è destinata a trascinarsi fino al 2022 – ma la situazione potrebbe migliorare da metà anno in poi, dato che più forniture diventano disponibili. Ad affermarlo, un noto analista di semiconduttori della JPMorgan.

La banca d’investimento statunitense sta raccomandando agli investitori di perseguire le tendenze a lungo termine nello spazio dei semiconduttori – in aree come l’informatica di fascia alta a livello globale e le tecnologie meno avanzate in Cina. Una stretta di fornitura in corso per i chip ha danneggiato la produzione in una serie di settori, che vanno dalle automobili agli elettrodomestici, ai personal computer e agli smartphone. Alcuni analisti e investitori si aspettano che la carenza duri fino al 2023, ma JPMorgan è meno pessimista. Approfondisci

Coca-Cola acquista Bodyarmor: chi è e perché lo ha fatto

Coca-Cola ha annunciato lunedì di aver acquisito il pieno controllo del produttore di bevande sportive Bodyarmor per 5,6 miliardi di dollari, realizzando così la più grande acquisizione di marchio della società fino ad oggi.

Il gigante delle bevande ha acquistato una quota del 15% di Bodyarmor nel 2018, diventando il suo secondo azionista più grande. All’epoca, la leggenda del basket Kobe Bryant era il suo terzo azionista dopo aver investito in Bodyarmor nel 2013, solo due anni dopo la sua fondazione. Il patrimonio della defunta stella NBA riceverà circa 400 milioni di dollari dalla vendita, secondo il Wall Street Journal. Approfondisci

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi