Skip to main content

Telecom, aggiornamento sulla golden power

Il consiglio di amministrazione di Telecom ha nominato Amos Genish in qualità di nuovo amministratore delegato, con altresì delle specifiche responsabilità per il Sud America. Al vicepresidente esecutivo Giuseppe Recchi è invece stata attribuita la responsabilità organizzativa della funzione security, che tra le altre cose si occupa anche di presidiare ogni attività e asset rilevante ai fini della sicurezza e della difesa nazionale, anche all’interno di Telecom Sparkle e Telsy.

Non tutte le notizie sembrano però essere positive per Telecom. Si noti infatti come secondo il quotidiano economico finanziario Il Sole 24 Ore, il comitato sul golden power, riunitosi qualche giorno fa a Palazzo Chigi, ha scelto di avviare il procedimento nei confronti della compagnia telefonica per un’eventuale multa per non aver notificato il controllo di fatto di Vivendi sulla società.

Se quanto sospra fosse vero, sarebbero a rischio nullità gli atti che sono stati emessi dopo la violazione degli obblighi, ovvero dopo il 4 maggio, la data in cui l’assemblea dei soci Vivendi ha nominato la maggioranza dei consiglieri di amministrazione dell’azienda italiana.

Tra le altre notizie degli ultimi giorni di maggiore rilievo per le società quotate in Borsa, evidenziamo come Banco BPM abbia sottoscritto un accordo con Aviva per il riacquisto del 50%+1 azione del capitale di Avipop Assicurazioni detenuto da Aviva Italia Holding per 252,5 milioni di euro. Stando a quanto precisato, il riacquisto della partecipazione dovrebbe condurre a una riduzione di 15 punti base sul CET 1 ratio fully phased rispetto al dato al 30 giugno 2017.

Infine, Autogrill ha affermato di aver registrato nei primi otto mesi dell’anno ricavi per 3 miliardi di euro, in crescita del 3,2% (+2,7% a cambi costanti). La crescita sembra esser stata spinta dalla positiva performance del canale aeroportuale, con ricavi cresciuti dell’8,4% nel periodo (+7,7% a cambi costanti), grazie anche al contributo statunitense.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *