Skip to main content

Bonus assunzione Neet, chi sono i datori interessati

Una delle più recenti novità legate al mondo del lavoro, è legata all’incentivo all’occupazione dei Neet – acronimo inglese di «not (engaged) in education, employment or training», che indica le persone non impegnate nello studio, né nel lavoro né nella formazione. Tale agevolazione, introdotta dal Dd Anpal del 2 gennaio 2018, n. 3 (rettificato dal successivo Dd 83/2018), ha una validità transitoria e potrebbe permettere di fornire una buona spinta alle nuove assunzioni di giovani. (altro…)

Come ottenere un visto per lavorare in Russia

Se siete interessati a lavorare in Russia, sappiate che avete necessità sia di un permesso di lavoro russo che di un visto di lavoro. Tuttavia è possibile richiedere un permesso di lavoro e un visto solo se avete ricevuto un’offerta di lavoro da un datore di lavoro russo, che a sua volta avrà ottenuto un’autorizzazione che permetterà di assumere cittadini stranieri per lavori specifici.

Il numero di permessi di lavoro disponibili per i lavoratori stranieri viene deciso annualmente dalle quote governative in base al contesto economico della Russia e alle politiche governative. All’interno della quota complessiva, vi sono quote specifiche per le singole regioni territoriali, per settori occupazionali e per nazionalità straniere. La quota complessiva per il 2017 era ad esempio stata fissata a 177.043 unità, il 17% in meno rispetto alla quota del 2016. (altro…)

Perché ricorrere a un’assistente virtuale

L’assistente virtuale è un utile software in grado di alleggerire il lavoro di molti di noi. E anche se non può sostituire certamente la presenza umana, può comunque supportarvi nel compimento di alcune operazioni di routine, particolarmente onerose in termini di tempo impiegato.

Per esempio, un’assistente virtuale può gestire il vostro calendario personale, aiutandovi così nella pianificazione personale per assicurarvi che non vi siano sovrapposizioni e che nessun evento o obbligo venga dimenticato. Potete ad esempio chiedere all’assistente virtuale di ricordarvi i piani personali e professionali, aggiungere nuovi eventi al proprio calendario, ricordare  i prossimi eventi in un momento prestabilito e accettare gli inviti al vostro posto. (altro…)

Perché la pronuncia è importante quando si impara una lingua straniera

L’apprendimento delle lingue straniere è un percorso piuttosto complesso. Avrete infatti a che fare con quattro abilità separate, ma collegate, come lettura, scrittura, ascolto e conversazione. Le quali, a loro volta, sono collegate a migliaia di elementi separati ma integrati, come le regole grammaticali, i vocaboli, le regole di pronuncia, e tanto altro ancora. Come fare, dunque?

Ebbene, una prima regola di base è puntare alla pronuncia: con migliaia di parole e di regole grammaticali da ricordare, avrete bisogno ovviamente bisogno di poggiare il vostro percorso di apprendimento sulla pronuncia: d’altronde, uno dei motivi per cui le lingue straniere possono essere ingannevoli è che sono pieni di parole difficili da pronunciare e difficili da memorizzare. Potete affrontare questa sfida allenando le vostre “orecchie” fin dall’inizio. Riuscirete così a disporre anche di una serie di vantaggi collaterali, come la migliore comprensione dell’ascolto, il miglior discorso, l’acquisizione più rapida del vocabolario e così via. (altro…)