Skip to main content

Quale è il posto più pericoloso per una donna?

Quale è il posto più pericoloso per una donna? A svelarlo è un nuovo studio da parte delle Nazioni Unite, secondo cui più della metà di tutte le donne vittime di omicidi nel mondo – 137 al giorno – sono state uccise da un membro della propria famiglia.

Insomma, una ricerca pubblicata dall’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC) ha scoperto che delle circa 87.000 donne e ragazze uccise intenzionalmente nel 2017, circa il 58% è morta per mano di qualcuno che era un “partner” o un parente. Tale statistica equivale a sei donne uccise ogni ora da persone che conoscono, dice il rapporto, tanto da far comprendere che, in fondo, il posto più pericoloso per una donna è proprio la sua casa.

Yury Fedotov, direttore esecutivo dell’UNODC, ha osservato che mentre la stragrande maggioranza delle vittime di omicidi a livello mondiale sono uomini – nel 2017 sono otto su dieci omicidi – le donne sono le vittime più frequenti in termini di violenza perpetrata dai partner intimi. Nel 2017, circa l’82% delle vittime di omicidio perpetrato da partner o familiari erano donne, contro il 18% degli uomini (la stragrande maggioranza degli uomini viene uccisa da estranei).

Le donne continuano a pagare il prezzo più alto a causa della disuguaglianza di genere, della discriminazione e degli stereotipi negativi – ha poi aggiunto Fedotov, invitando ad applicare risposte mirate da parte della giustizia penale per prevenire e porre fine alle uccisioni legate al genere.

Lo studio rileva infine che anche se diversi Paesi hanno intrapreso azioni per affrontare la violenza contro le donne e le uccisioni legate al genere in modi diversi, adottando cambiamenti giuridici, interventi precoci e sforzi di più agenzie, così come la creazione di unità speciali e l’attuazione della formazione nel sistema di giustizia penale, attualmente non ci sono segni di una diminuzione del numero di uccisioni di donne e ragazze legate al genere.

Balene, perché si “suicidano” spiaggiandosi

Negli ultimi giorni 145 balene sono morte dopo essersi arenate su una spiaggia in Nuova Zelanda. Gli esemplari sono state trovati qualche giorno fa sulla spiaggia della Stewart Island, chiamata anche Rakiura, secondo quanto ha dichiarato il Dipartimento di Conservazione della Nuova Zelanda. Metà delle balene erano già morte quando sono state trovate, e il resto è stato condotto in eutanasia a causa della condizione in cui sono state trovate.

Purtroppo, la probabilità di riuscire a rigalleggiare con successo le balene rimanenti è stata estremamente bassa. La posizione remota, la mancanza di personale nelle vicinanze e il deterioramento delle condizioni delle balene ha significato che, purtroppo, la cosa più “umana” da fare era proprio quella di garantire loro una dolce morte, per quanto – evidentemente – sia stata una decisione straziante.

Nel frattempo, le autorità hanno fatto appello al pubblico per aiutare a salvare altre otto balene che si sono arenate in un incidente probabilmente non collegato su Ninety Mile Beach, sul lato opposto del Paese. Due delle balene erano già morte, ma le balene rimanenti sono state spostate sulla spiaggia di Rarawa, dove sono state tenute in un ruscello. Il Dipartimento della Conservazione ha chiesto ai volontari di aiutare a far galleggiare le balene.

Il Dipartimento di Conservazione della Nuova Zelanda ha dichiarato che ogni anno vengono segnalati circa 85 incidenti di mammiferi marini che rimangono incagliati. E, anche se relativamente comuni, di solito coinvolgono un solo animale. Ma per quale motivo?

Sebbene le cause non siano completamente note, i fattori possono includere malattia, errore di orientamento, caratteristiche geografiche, una marea in rapida discesa, inseguimento da parte di un predatore, o condizioni meteorologiche estreme.

Spazio, astronauti identificano alcuni microbi

Gli astronauti della NASA hanno sequenziato con successo il DNA dei microbi trovati a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, segnando un record: è la prima volta che alcuni organismi sconosciuti sono stati sequenziati e identificati interamente nello Spazio. Gli astronauti hanno dunque scoperto che i microbi misteriosi erano due comunemente associati al microbioma umano.

Questo nuovo sequenziamento – originariamente i microbi dovevano essere inviati sulla Terra per l’analisi – segna un passo importante nella diagnosi delle malattie degli astronauti. I ricercatori sulla Terra hanno poi verificato che le identificazioni dei microbi effettuate sullo Spazio sono corrette, rendendo dunque l’esperimento un successo. (altro…)

opzioni binarie affari

Cosa è successo venerdì sui mercati finanziari

opzioni binarie affariVenerdì scorso i mercati azionari hanno contraddistinto le proprie evoluzioni con delle chiusure piuttosto contrastate. Partiamo ad esempio con il modesto calo in USA, dove l’indice più rappresentativo, lo S&P 500, ha retrocesso il proprio valore di 0,09 punti percentuali, nonostante notizie societarie evidentemente favorevoli. Le variazioni sono state pressochè nulle in Europa, con l’indice Euro Stoxx 500 invariato, il Dax +0,1 per cento, l’FTSE MIB +0,15 per cento, l’IBEX 35 +0,4 per cento, in attesa anche della pubblicazione delle trimestrali europee, che entrerà nel vivo a partire questa settimana. (altro…)