Skip to main content

Ferrovie rilancia il business merci

Il Gruppo Fs ha intenzione di rilanciare il proprio business sulle merci, con l’obiettivo di passare, entro il 2030, dal 13 al 50 per cento delle merci trasportate sui binari dell’operatore. Una leva che, secondo le intenzioni di Ferrovie dello Stato, dovrebbe aiutare anche nel breve termine il raggiungimento dell’ambizioso obiettivo del pareggio di bilancio entro l’esercizio 2018, sebbene i risultati più tangibili saranno apprezzabili esclusivamente negli anni successivi.

Tale attenzione nei confronti del comparto merci è d’altronde quasi “rivoluzionaria”. Il settore per anni è infatti stato in perdita, con un risultato netto negativo per 800 milioni di euro complessivi tra il 2011 e il 2015, pari a circa 150 milioni di euro ogni anno, ma ora le intenzioni sembrano essere molto convincenti circa il suo rilancio e il suo risanamento. A fare da capofila al progetto di rimbalzo della produttività del comparto sarà la nuova sub holding Mercitalia Logistic, che viene controllata al 100% da Ferrovie dello Stato e che al suo interno ingloba sette realtà che si occupano del comparto della logistica e di quello merci.

Più nel dettaglio, Ferrovie ha già annunciato l’intenzione di prevedere investimenti tali da consentire ai ricavi di poter toccare quota 2,6 miliardi di euro entro il 2026, partendo dal miliardo di fatturato di dieci anni prima (2016). Gli investimenti saranno pari invece a 1,5 miliardi di euro, di cui poco più di 1 miliardo verso il materiale rotabile, altri 100 milioni di euro destinati ai terminal intermodali, altri 100 milioni di euro nei confronti della nuova tecnologia informatica e infine gli “ultimi” 250 milioni di euro da destinare ad operazioni di acquisizione di imprese che possano permettere al business di Fs di potersi espandere, sviluppando la platea degli attuali 4.000 dipendenti che ad oggi lavorano in Mercitalia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *