Skip to main content

Euro, cresce un pò l’inflazione dei Paesi membri

euroPiccole buone notizie sul fronte dell’inflazione, uno dei temi più temuti dalla Bce. Sebbene siamo molto lontani dal target del 2% che la Bce ha posto in statuto, qualche movimento in senso positivo sembra esserci da alcuni Paesi membri, come l’Italia.

Nel nostro Paese, infatti, i prezzi al consumo sono stati confermati in crescita di +0,3 punti percentuali su base mensile nel mese di maggio, per un’inflazione annua a -0,3 punti percentuali. Anche il dettaglio non mostra particolari novità: i rincari sono infatti stati piuttosto diffusi e i maggiori contributi all’aumento dell’indice generale (nazionale) sono venduti da un incremento di 0,5 punti percentuali su base mensile dei prezzi dei trasporti e da una crescita di 0,4 punti percentuali dei prezzi degli alimentari, e in particolare della frutta fresca (+6,2 punti percentuali su base mensile).

Hanno inoltre contribuito positivamente i rincari dello 0,5 per cento per i servizi ricettivi e di ristorazione (rivisto al rialzo rispetto alla prima stima) e il balzo dell’1,6 per cento dei listini di bevande alcoliche e tabacco, principalmente dovuto all’aumento dei prezzi delle sigarette. Infine, il rimbalzo dei prezzi delle comunicazioni (+0,9 punti percentuali su base mensile) dovuto soprattutto agli apparecchi di telefonia mobile. L’unico capitolo di spesa che ha mostrato un calo dei listini si conferma quello del tempo libero e cultura (-0,2 punti percentuali su base mensile peraltro rivisto al rialzo rispetto alla prima lettura).

Per i prossimi mesi, è possibile che l’inflazione possa proseguire in una strada di tenue rialzo, per poi arrivare a fine anno a stabilizzarsi intorno a 0,6 punti percentuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *